Blockchain, ecco alcune delle possibili applicazioni in campo automotive

L’industria delle quattro ruote ha da poco avviato una sperimentazione di questa tecnologia per la gestione e protezione dei dati sulle connected car. Ma non è il solo sviluppo possibile

La tecnologia blockchain piace al mondo automotive tanto che diversi costruttori hanno iniziato a studiarne le ricadute pratiche. I campi d’applicazione della “catena di blocchi” sono molteplici e nell’industria delle quattro ruote spaziano in diversi campi. Si va dalla gestione e sicurezza dei dati prodotti delle auto connesse allo sviluppo di sistemi di mobilità, dalla protezione dei pagamenti alla trasparenza nella catena di fornitura dei componenti fino ai risarcimenti assicurativi. Ma che cos’è la blockchain?

Si tratta di un protocollo di comunicazione che permette la creazione di un grande database distribuito per gestire le transazioni condivisibili tra più nodi – sono i server di ciascun partecipante – di una rete. Il database è strutturato in blocchi all’interno dei quali sono archiviate un insieme di transazioni validate e correlate da un marcatore temporale (timestamp). Ogni blocco include l’hash (una funzione algoritmica informatica) che identifica il blocco in modo univoco e che permette il collegamento con quello precedente. L’insieme di questi blocchi costituisce il ledger: un registro pubblico – una sorta di libro mastro – nel quale vengono annotate, con la massima trasparenza e in modo immutabile, tutte le transazioni effettuate in modo ordinato e sequenziale. In pratica la blockchain è un sistema che consente agli utenti di verificare e proteggere in modo autonomo le transizioni senza bisogno di intermediari, e di conseguenza di accelerare i processi aziendali.

A catturare l’attenzione dell’industria automotive, e non solo, per questa tecnologie è la sua capacità di garantire un elevato livello di protezione dei dati. Infatti la struttura dei libri condivisi rende quasi impossibile aggiungere, rimuovere o modificare dati in esso contenuti una volta che questi sono stati convalidati e memorizzati in un blocco. In pratica le probabilità che un hacker acceda a ciò che è memorizzato in una blockchain sono molto basse. Il che la rende adatta per difendere l’auto connessa da possibili attacchi cibernetici. Secondo gli esperti del settore, entro il 2020 le connected car in circolazione in tutti il mondo saranno circa 250 milioni. Parliamo di veicoli dotati di sensori intelligenti per la guida autonoma, di sistemi di infotainment all’avanguardia e di processi informatici basati sul cloud. Tutti elementi che spingono l’industria automobilistica a puntare sulla blockchain per riuscire a gestire e proteggere l’enorme quantitativo di dati che verranno prodotti dall’auto. Quest’ultime infatti oltre a essere in grado di guidarsi da sola potranno aggiornare i propri software, pagare il pedaggio o il rifornimento di carburante e acquistare film, app e altri servizi. Di conseguenza riuscire a renderle inviolabili significa difendere i singoli driver da furti o truffe ai loro danni. L’adozione di questa tecnologia da parte del comparto automotive rappresenta dunque un vantaggio competitivo. Il cui effetto, nel lungo periodo, sarà rappresentato da un'ampia diffusione delle connected car e quindi da una maggiore crescita del business per costruttori e filiera aftermarket. L’utilizzo della blockchain nel campo dell’automotive non si riduce però solo a ciò che ruota intorno al veicolo.

Le sue possibili applicazioni, infatti, vanno oltre l’auto, estendendosi all’intero comparto della mobilità. Infatti, con il diffondersi dell’internet of things nel campo dei trasporti la protezione dei dati è diventata una priorità per la diffusione di mezzi e infrastrutture intelligenti. In questo caso il tema riguarderà la sicurezza stradale collegata alla capacità dei sensori, sparsi nelle smart city, di inviare alle auto in maniera sicura – senza il rischio di essere hackerate – le informazioni riguardanti la presenza di traffico, di un incidente o di un viadotto crollato. Le opportunità che si celano dietro l’uso della tecnologia blockchain sono innumerevoli e spaziano in diversi campi e settori. Un altro aspetto su cui la filiera dell’automotive può investire le sue risorse riguarda la catena di fornitura. In questo caso la trasparenza offerta dai “libri contabili distribuiti” può aiutare a garantire che produttori, spedizionieri e fornitori vedano la stesso percorso per l’approvvigionamento. Così da rendere difficile, se non impossibile, l’inserimento al suo interno di componenti contraffatti.
 

 

Duessegi Editore Srl
Via Eraclito, 10 - 20128 Milano
Tel. 02 89366322
Fax 02 89366330
info@duessegi.com
Chi siamo  Contatti